SPEDIZIONE GRATUITA DA 50,00 €, CAMBI E RESI GRATUITI        Mailing OTTIENI UNO SCONTO EXTRA DEL 15%, UNISCITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Resegrigna

09/12/2020 19:04

L'ANELLO MANCANTE

Sono talmente piccolo, che riesco a vedere solo attraverso l'inferiata del balcone.

Mio padre di fianco a me mi prende in braccio e indica le montagne all'orizzonte; Resegone, Grignetta, Grigna e continua spostandosi con il dito fino al monte Rosa.

Alcune si intravedono, altre sembra di averle vicinissime e poterle toccare.

Grignetta


Scendo dall'auto e nonostante sia luglio l'aria del mattina presto o tarda notte fa rabbrividire.

Comincio a correre per le vie di un paesino che ancora dorme.

Concatenare due cime in un'unica corsa. Resegone e Grigna. Due montagne simbolo. Storia dell'alpinismo, di alpinisti e soprattutto di uomini.

Un paio di ricognizioni precedenti per verificare il sentiero di raccordo tra i due anelli e l'ultima per la parte più tecnica ed eccomi qua.

Impreparato comunque, inadeguato a questo gesto, sempre.

Sensazione strana, sentieri solitamente frequentati, sono ora deserti e silenziosi. Mi godo il momento, più tardi sarà un ricordo.

Con me un amico, che detta il passo, mi frena se necessario e mi spinge (sempre) dove si può e deve.

La prima parte, la cima del Resegone, vola via in un amen. In cima un gel, una barretta e giù per la discesa.

Resegone

Ciabatto, resto indietro e ho l'immagine del garzone con la cassetta degli attrezzi che non tiene il passo del suo “capo”, indaffarato tra i mille impegni e scadenze.

Rientro all'auto, cambio maglia e pasta in bianco che ormai ha preso la forma del contenitore di plastica e quel sapore di pic nic d'altri tempi. Buonissima!

Si riparte per la seconda parte dopo dieci fantastici minuti di relax seduti nel bagagliaio a dire cazzate e decidere se cambiare scarpe oppure continuare con le stesse.

“Cavallo che vince non si cambia”

Sono sicuro si dica diversamente, ma mai discutere con chi può decidere del tuo futuro, delle tue gambe e dei tuoi polmoni.
Grignetta
Si riparte per quasi altri mille metri di dislivello, all'ombra del bosco e accompagnati da frequenti cascatelle di acqua gelida.

Piani dei Resinelli, la porta della Grigna. Attacchiamo decisi un sentiero in cresta senza incontrare anima viva, vuoi per le pendenze e soprattutto per i tratti attrezzati ed esposti sotto la vetta.

Grignetta

Arriviamo in cima avvolti dalla nebbia, visibilità ridotta. Mi giro verso casa, papà sarà sul balcone; settimana enigmistica, un paio di quotidiani e la pipa in mano.

Grignetta

La discesa è una cavalcata, per il mio amico, per me un trotto scoordinato, che con la cassetta degli attrezzi in mano non tengo ancora il suo passo...



Papà ma quando sarò più grande potrò salire in cima?

Sorride, di quel sorriso che solo i papà sono in grado; misto di tenerezza, fiducia, ma fatto anche di dubbi per una vita che è sempre un punto di domanda.

Guardiamo insieme le montagne.

Le guardo dal parcheggio ora più vicine.

Mia madre chiama, rientra in casa. Un ultimo sguardo per oggi. Resegone, Grignetta...

m.

 Grignetta

 

Siamo partiti da Ballabio, dove abbiamo lasciato la macchina, attraverso il passo del lupo siamo arriavati al piazzale della funivia, abbiamo percorso l'anello del resegone arrivando sulla cima. Abbiamo seguito la discesa della Resegup, arrivati al piazzale della funivia dal passo del lupo abbiamo raggiunto, nuovamente, Ballabio, da lì siamo saliti al Pian dei Resinelli e sulla vetta della Grigna Meridionael. Il nostro percorso ha misurato 45 km e 3150 m D+.

Sticker Mule

I meravigliosi adesivi che trovate nei nostri pacchi sono realizzati da Sticker Mule.

Condividi